Aggiornamenti sul Ponte degli Alpini, tra polemiche e coraggio

PonteAlpiniÈ notizia di pochi giorni fa che il Consiglio di Stato ha ribaltato la sentenza del Tar che permetteva al Comune di Bassano di proseguire con i lavori sul Ponte degli Alpini anche con il ricorso della ditta Vardanega pendente. Una decisione, quella del Tar, ragionevole che ora viene stravolta, con il risultato che c’è il serio rischio di tenere tutto fermo fino alla prima sentenza che avverrà verso il primi di luglio. Ovviamente è superfluo ricordare i danni enormi di sicurezza e di immagine che comporterebbe una sospensione dei lavori, visto anche che giugno sarebbe il mese migliore per lavorare, date le minori precipitazioni.

E puntuali come le tasse arrivano le critiche scomposte del centrodestra che, come sempre, preferisce cavalcare l’onda della “critica tanto per fare”, piuttosto che fare il bene di tutta la città e spingere perché i lavori possano riprendere quanto prima.

«Polemiche inutili dal centrodestra. Chi vuole trasformare il restauro del Ponte in una battaglia politica non fa il bene della città». Così ho detto ai media sull’accoglimento da parte del Consiglio di Stato della richiesta di sospensione della Vardanega in merito all’appalto del restauro del Ponte. «Da questa sospensiva a rimetterci è tutto il territorio, che si è sempre schierato compatto per un progetto di restauro tanto importante nel suo valore quanto complesso nella sua realizzazione anche procedurale. L’Amministrazione si è però comportata correttamente e ha agito nel rispetto delle leggi. Al punto da anticipare la rigorosità e la trasparenza richieste dal nuovo Codice degli appalti, recentemente approvato. Le leggi ci sono per evitare proprio l’uso strumentale della giustizia. E in questo caso le leggi sono state rispettate. Invece di perdere tempo in inutili polemiche, fa bene l’Amministrazione a procedere con quanto è possibile fare, in attesa che finalmente il cantiere possa davvero aprirsi».

Adesso la Giunta guidata dal Sindaco Riccardo Poletto sta studiando le prossime mosse per cercare di riaprire il cantiere, partendo dalla messa in sicurezza del Ponte. Pieno sostegno a qualsiasi decisione prenderanno!


Lascia un commento