Morti in mare Filippin difende Poletto: «Giusto ricordarli»

Dal Corriere del Veneto del 6 ottobre 2017

BASSANO Non si spegne la polemica sull’ulivo piantato dall’amministrazione e dal vicariato nel parco Ragazzi del ’99 in ricordo dei richiedenti asilo morti durante i naufragi al largo di Lampedusa. Dopo gli attacchi sui social, in difesa del sindaco Riccardo Poletto scende in campo la senatrice Rosanna Filippin. «Di fronte al ricordo delle tragedie c’è bisogno di responsabilità – dichiara – Ha fatto bene Poletto a ricordare quelle vittime. Nei nostri mari sono morte 14.469 persone tra il 2014 e il 2017».Rivolgendosi poi a Nicola Finco, capogruppo della Lega Nord in consiglio regionale, che aveva criticato duramente la messa a dimora della pianta, la senatrice osserva che «la Lega non perde occasione per tacere e polemizza anche di fronte alla morte di bambini, donne e uomini». «Questo continuo rincorrere l’odio porta poi le persone a pubblicare post violenti sui social». Intanto sempre ieri ieri, l’assessore alle Attività economiche Cristina Busnelli ha riunito il tavolo delle categorie per «affrontare in modo più incisivo le sfide del mondo del lavoro e per individuare azioni utili al rilancio dell’economia bassanese». «Penso al miglioramento della digitalizzazione e dell’informatizzazione dei procedimenti che interessano le imprese con l’obiettivo di semplificare e agevolare i rapporti tra il cittadino o l’impresa e gli uffici comunali – sostiene Busnell – ma anche a modificare i regolamenti comunali in materia di urbanistica, edilizia, mezzi pubblicitari, commercio. Fondamentale, poi, è sapere cogliere la sfida del mercato digitale, dell’e-commerce, per trasformarlo da problema a risorsa».

Smart City pedemontana – Filippin: “Fare squadra nel territorio e a Roma”

Pove_e_bassano_del_grappa_(dal_cornon)_(cc)simonettoLa senatrice del PD Rosanna Filippin interviene in merito al progetto di smart city pedemontana. “Il territorio ha già dimostrato di saper fare squadra. Costruire un nuovo modello di collaborazione può essere la svolta per garantire non solo migliori servizi ai cittadini, ma anche per aprire nuove, importanti prospettive di sviluppo e di rilancio in grado di coinvolgere tutti i Comuni dell’area, indipendentemente dalle loro dimensioni – sottolinea Rosanna Filippin -. Per questo è importante che il lavoro di squadra che si sta avviando nel territorio venga accompagnato da un altrettanto forte lavoro di squadra a tutti i livelli istituzionali per creare le condizioni affinché questo progetto trovi riconoscimento e attuazione. Assieme agli altri parlamentari dell’area mi farò quindi carico di raccogliere le istanze del territorio”. “Siamo in una fase di profonda riorganizzazione, con le province che potranno venire soppresse dalla riforma costituzionale e la decisa spinta che viene da Governo e Regione per le unioni e le fusioni dei Comuni – aggiunge la senatrice -. La proposta che arriva dalla Pedemontana si inserisce perfettamente in questa prospettiva e può davvero concretizzarsi, creando un’area vasta in grado di migliorare i servizi a cittadini e imprese, ma anche di partecipare con maggiore forza ai tavoli istituzionali e ai bandi per i finanziamenti nazionali e comunitari. È un percorso che può far bene all’intero territorio, nel rispetto delle singole identità. Per questo va condiviso attentamente con tutte le amministrazioni interessate e spiegato ai cittadini che devono essere coinvolti e partecipi in questo processo”

 

Aggiornamenti sul Ponte degli Alpini, tra polemiche e coraggio

PonteAlpiniÈ notizia di pochi giorni fa che il Consiglio di Stato ha ribaltato la sentenza del Tar che permetteva al Comune di Bassano di proseguire con i lavori sul Ponte degli Alpini anche con il ricorso della ditta Vardanega pendente. Una decisione, quella del Tar, ragionevole che ora viene stravolta, con il risultato che c’è il serio rischio di tenere tutto fermo fino alla prima sentenza che avverrà verso il primi di luglio. Ovviamente è superfluo ricordare i danni enormi di sicurezza e di immagine che comporterebbe una sospensione dei lavori, visto anche che giugno sarebbe il mese migliore per lavorare, date le minori precipitazioni.
Continua

Tar rigetta sospensiva: possono partire i lavori sul Ponte

PonteAlpiniNotizia di oggi che il Tar ha rigettato la richiesta di sospensiva dei lavori sul Ponte degli Alpini, che possono dunque ripartire senza ulteriori ritardi. Soddisfatta la senatrice bassanese del PD Rosanna Filippin: «Un ulteriore ritardo nei lavori sarebbe stato disastroso e soprattutto avrebbe fatto perdere del tempo prezioso per la messa in sicurezza del Ponte. L’amministrazione comunale sul Ponte ha agito in modo corretto ed efficace e questa decisione lo dimostra. Non dobbiamo poi dimenticare il valore simbolico e turistico che ha il Ponte non solo per la città di Bassano, come testimonia il grosso contributo che il Ministero dei beni culturali ha assegnato per il restauro». Continua

Operaestate: quasi mezzo milione di euro nelle casse del festival

Da Il Corriere del Veneto del 12/08/2015.

BASSANO Dopo 11 riconoscimenti dall’Unione Europea, arrivano anche le prime soddisfazioni nazionali: nelle casse di Operaestate Festival pioveranno più di 478mila euro, ma altrettanti sono pronti per il 2016 e il 2017.
Il festival bassanese infatti si è aggiudicato il terzo posto nel bando del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo piazzandosi sul podio con i più blasonati «Romaeuropa» e «Festival dei due mondi» di Spoleto.
«Il Ministero ha reso note le valutazioni e le assegnazioni dei contributi Fus 2015, (Fondo Unico per lo Spettacolo, ndr): una valutazione di qualità, unita ad indicatori di quantità (numero di recite, compagnie e spettatori, ndr) e di qualità indicizzata che hanno messo il nostro Festival in cima alla classifica – spiega orgogliosa Giovanna Ciccotti, assessore comunale alla Cultura -. Al Ministero è stato presentato un progetto triennale valutato dalle commissioni ministeriali riunite». Continua

Tre milioni da Roma per far partire i lavori del Ponte degli Alpini

Lo stato attuale del plateatico del Ponte Vecchio di Bassano

Lo stato attuale del plateatico del Ponte Vecchio di Bassano

Da Il Giornale di Vicenza del 05/08/2015.

Via libera dal Consiglio superiore dei beni culturali a un finanziamento di tre milioni di euro per i restauri del Ponte Vecchio. La decisione, annunciata nei giorni scorsi dal sindaco Riccardo Poletto, ripresa dal governatore Luca Zaia e consolidata da una telefonata tra il ministro Dario Franceschini e il primo cittadino di Bassano, mette la cassa al sicuro e dovrebbe chiudere la campagna di raccolta fondi.
Con quest’ultimo stanziamento, i milioni in cassa sono più di sette: una somma che permette di liberare due milioni di euro da utilizzare per altri interventi o di programmare, in contemporanea ai restauri del Ponte, l’annunciata riqualificazione delle rive del fiume. Continua

Ponte di Bassano. Filippin e Ginato: “Finanziamento Ministero conferma attenzione del Governo”

PonteAlpini“Dalle parole ai fatti. In questi giorni abbiamo seguito da vicino e personalmente l’evolvere della situazione, incontrando anche il Ministro Franceschini. La conferma dell’arrivo del contributo di 3 milioni di euro per il Ponte di Bassano è il segno dell’attenzione del Governo verso il territorio ed è il frutto di un lavoro che è stato fatto a Roma come in Veneto. È il simbolo di una buona politica e di un federalismo non urlato che consente di portare a casa i risultati”. Così Rosanna Filippin e Federico Ginato, entrambi del Partito democratico, commentano la notizia dello stanziamento di 3 milioni di euro da parte del Governo per il restauro del Ponte di Bassano. “Ringraziamo il Ministro Franceschini per aver tenuto fede alle promesse in tempi strettissimi – sottolineano i due parlamentari dem – Questo finanziamento rappresenta un tassello fondamentale per difendere un monumento della nostra terra e della nostra storia ed è una risposta concreta all’impegno che l’intero territorio bassanese e veneto sta mettendo in campo. Una risposta che arriva poco dopo l’altro importante contributo di un milione e 600 mila euro ottenuto per il Tempio Ossario e che porta così a quasi 5 milioni i fondi che da Roma arrivano in città. Ora continueremo a lavorare sugli altri fronti aperti, dalla proposta di dichiarare il Ponte Monumento nazionale al progetto del Tribunale della Pedemontana. E lo faremo come fatto finora: lavorando sodo, e facendo da ponte tra il Veneto e Roma”

25 Aprile – Intervento del Sindaco Riccardo Poletto

IMG_2872Cittadine e cittadini, in particolare i più giovani, autorità di ogni tipo e di ogni grado, rappresentanti delle associazioni tutte, benvenuti in questa sala consiliare, vi ringrazio d’aver voluto partecipare alle celebrazioni del XXV aprile.
Celebriamo oggi i 70 anni della Liberazione e 70 anni non sono pochi. Di fronte a questi sette decenni che ci separano, ma anche ci congiungono alla Liberazione, proviamo due sentimenti diversi, quasi contrapposti. Un conto è pensare ai fatti un altro conto è pensare ai frutti di quei fatti.  Continua

Tempio Ossario Partiti i lavori per la riapertura

1707095-Tempio_Ossario_on_Piazzale_Cadorna_Bassano_del_Grappa-300x182Da Il Giornale di Vicenza del 15/04/2015.

Aperti i cantieri del Tempio Ossario in vista del centenario della Grande Guerra. Ieri mattina sono iniziati i lavori che per il 24 maggio dovranno garantire l’agibilità del sacrario, che ospita le salme di oltre 5 mila Caduti. Il primo passo è stato il sopralluogo dei tecnici, per verificare le condizioni all’interno dell’edificio. Contemporaneamente, è stato aperto, dopo sette anni, il portone d’ingresso e transennato l’esterno.
«Era una misura necessaria – spiega il sindaco Riccardo Poletto – per arieggiare l’interno e abbassare il livello di umidità in vista dei prossimi controlli. I lavori in senso stretto partiranno la settimana prossima. Nel frattempo, saranno completate tutte le verifiche per garantire la migliore agibilità possibile».
In sostanza, si tratterà di mettere in sicurezza i settori laterali, isolando parte della navata centrale e del tiburio, dai quali si erano staccati dei frammenti intonaco. Continua

Con il ciclone Renzi ora si cambia davvero

UntitledBassano del Grappa, 27 maggio – All’indomani dello spoglio delle elezioni europee e amministrative la senatrice bassanese Rosanna Filippin commenta lo straordinario risultato ottenuto dal PD. Un successo che va oltre ogni più rosea aspettativa: alle europee il Partito Democratico di Matteo Renzi supera il 40%, mentre nel territorio sono state “espugnate” storiche roccaforti del centrodestra.
“Il 26 maggio è un giorno memorabile per il PD – esclama Rosanna Filippin – il ciclone Renzi è partito, e chi lo ferma più. Non ci aspettavamo un tale successo ed è stato emozionante condividerlo con tutta la squadra vicentina”. Continua

La Guerra di Luca

Rosanna Filippin, Luca Lotti e Riccardo Poletto

Rosanna Filippin, Luca Lotti e Riccardo Poletto

Da Bassanonet

L’incontro col sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Luca Lotti, organizzato dai Giovani Democratici del Bassanese, è convocato alle ore 17 al Caffè dei Libri in città. L’atteso (nel senso letterale del termine) ospite si fa però aspettare per quasi un’ora, finché l’auto che lo porta a Bassano – condotta dal deputato e segretario regionale del Partito Democratico, il bellunese Roger De Menech – non viene finalmente “segnalata” all’ingresso del centro storico.
E neanche a farlo apposta, l’onorevole e chauffeur per l’occasione De Menech, contattato al telefono dalla collega senatrice Rosanna Filippin, fornisce “a vista” la geolocalizzazione della sua vettura arrivata quasi a destinazione: “Siamo davanti a una grande chiesa coi mattoni rossi.” Continua