Legge piccoli comuni. Filippin (Pd): «Ecco il nuovo fondo»

Da Il Giornale di Vicenza del 29/09/2017

«Una votazione che rappresenta un’ulteriore dimostrazione dell’attenzione di questo Parlamento nei confronti dei Comuni». Così la senatrice Rosanna Filippin, del Pd, interviene a seguito dell’approvazione, ieri in Senato, della legge sul sostegno ai piccoli Comuni con meno di 5 mila abitanti, un provvedimento che interessa nel vicentino 68 comuni su 121 per un bacino territoriale di oltre 150 mila abitanti.

«Dopo aver votato in questa legislatura il sostegno per la fusione e l’unione degli enti comunali, con incentivi ad unirsi, ora si fa un ulteriore passo in avanti, dando sostegno ai quei piccoli Comuni che rappresentato la green economy e il made in Italy e che devono essere tutelati», afferma Filippin.

Nello specifico, con l’approvazione di questa legge, verrà istituito un Fondo per lo sviluppo strutturale con una quota pari a 100 milioni, verranno individuate all’interno dei centri storici zone in cui intervenire con la collaborazione tra pubblico e privato, le amministrazioni potranno accedere alla banda ultra larga nelle aree “a fallimento di mercato” ed è infine previsto un piano per l’istruzione. «Questa legge – conclude Filippin – prosegue l’idea di uno Stato che incentiva le risorse, le eccellenze e la qualità del nostro territorio».

Sicurezza – Filippin in Senato su modifica codice penale: “Forte stretta su scippi furti e rapine”

img1024-700_dettaglio2_commissione-giustizia“Questo disegno porta una forte stretta su scippi, furti in casa e rapine. I reati più avvertiti dagli italiani, quelli che minano la sicurezza della propria casa e la possibilità di muoversi liberi in strada. Fornire ai magistrati strumenti efficaci, garantire procedimenti penali certi e solerti: sono passaggi indispensabili per restituire ai cittadini un maggior senso di sicurezza. È un dovere insopprimibile per lo Stato. E questo disegno di legge è sicuramente un passo utile in tale direzione”.
Così la senatrice del Pd Rosanna Filippin è intervenuta in Aula oggi nella discussione sui disegni di legge di modifica al codice penale e riforma del codice penale e procedura penale. Nel suo intervento la senatrice bassanese si è concentrata soprattutto sugli articoli 4-5-6 che intervengono sulla disciplina di alcuni reati contro il patrimonio, ovvero furto in abitazione e con strappo (art.624 bis c.p.), del furto aggravato (art.625 c.p.) e della rapina (art.628 c.p.) aumentando le pene ed escludendo – in relazione al reato di furto – il bilanciamento di alcune circostanze. “Era necessario intervenire. Ed è stato fatto – ha aggiunto Filippin -. In questo testo si sono previsti aumenti di pena che sono mirati soprattutto a evitare che scippatori, ladri e rapinatori, una volta arrestati dalle polizie magari dopo importanti fatiche investigative, vengano rimessi in libertà”. Continua

Intervento in aula su riforma del processo penale

giustizia1I 40 articoli che compongono il complesso provvedimento all’esame del Senato recano importanti modifiche dell’ordinamento penale, sia sostanziale che processuale. In particolare sul piano del diritto sostanziale, oltre all’introduzione di una nuova causa di estinzione dei reati perseguibili a querela, a seguito di condotte riparatorie,  l’A.S. 2067 interviene anche sulla cornice sanzionatoria di alcuni reati, come il furto, la rapina e lo scambio elettorale politico -mafioso.

E’ su questo che io concentrerò il mio intervento, pur consapevole che l’attenzione politica e mediatica è rivolta ad altro, in particolare al gigantesco tema della prescrizione e di come assicurare il principio costituzionale della durata ragionevole dei processi in un ordinamento come quello italiano che prevede – diversamente da altri – l’obbligatorietà dell’azione penale.

Ma altri colleghi sono già intervenuti ed altri ancora lo faranno.

Passando specificamente al contenuto sostanziale del A.S. 2067, ricordo qui l’articolo 1 che inserisce nel codice penale il nuovo articolo 162-ter, che consente al giudice di dichiarare l’estinzione del reato, sentite le parti e la persona offesa, quando l’imputato abbia riparato interamente il danno con le restituzioni o il risarcimento ed abbia eliminato, ove possibile (tale inciso è stato aggiunto in Commissione), le conseguenze dannose e pericolose del reato. Continua

Intervento in aula su unioni civili e stepchild adoption

registro

Signor Presidente, onorevoli senatrici e senatori, nel tempo limitato che mi è concesso non parlerò della necessità per il nostro Paese di dotarsi di un istituto che riconosca i diritti e doveri della «unione omosessuale intesa come stabile convivenza tra due persone dello stesso sesso, cui spetta il diritto fondamentale di vivere liberamente una condizione di coppia», come afferma la nostra Corte costituzionale nella ormai celebre sentenza n. 138 del 2010. Altri lo hanno fatto e lo faranno dopo di me. Io, invece, vorrei andare direttamente sul punto di maggior contrasto, sulla linea che divide, nel cuore delle polemiche, visto che – almeno a parole – tutti in quest’Aula – forse tranne il senatore Aracri – riconoscono il diritto di ogni cittadino a vivere liberamente la relazione affettiva, a prescindere dal proprio orientamento sessuale. Continua

Riforma costituzionale – Filippin (Pd): “Riforma storica in fase di riforme senza precedenti”

La senatrice del Partito democratico Rosanna Filippin commenta l’approvazione – con 179 voti favorevoli – del disegno di legge di riforma costituzionale: «Quello di oggi è stato un voto dal grande significato – sottolinea Rosanna Filippin – Abbiamo infatti approvatouna riforma storica, che si inserisce in una fase di riforme che non ha precedenti e che è destinata a lasciare il segno per il presente e il futuro del nostro Paese. Penso ad esempio alla nuova pagina dei diritti civili che stiamo scrivendo, con il divorzio breve, a cui sono orgogliosa di aver contribuito come relatrice, e con le unioni civili che presto andranno in Aula. Dopo anni e anni in cui poco o nulla si era mosso, ora stiamo dando una scossa al Paese con misure attese dagli italiani».

«Con questa riforma costituzionale l’Italia si avvia verso un sistema più moderno ed efficiente, attuando anche quell’intervento di contenimento dei costi della politica da tutti richiesto» aggiunge la senatrice Filippin, che guarda anche al Veneto «Per le regioni virtuose si apre anche la strada per una possibile maggiore autonomia: un’opportunità che non va sprecata, soprattutto da quelle regioni, come il Veneto, che per anni l’hanno invocata a suon di slogan e spot elettorali».

Lettera di Matteo Renzi ai parlamentari dei Gruppi di maggioranza

renzi1Carissimi,
tra qualche ora sarete in vacanza, per una breve pausa. Mi permetto di dire, sfidando le ire dei benpensanti: vacanza molto meritata. Sì, meritata. Perché se vi voltate un attimo indietro e provate a ripercorrere il cammino di questo anno, resterete stupiti pensando alle cose che abbiamo portato a casa.

Lo dico senza giri di parole: avete fatto un lavoro straordinario ed è giusto rendervi merito. Mai il Parlamento italiano in 70 anni di storia aveva lavorato così tanto e così intensamente. E nessun Paese europeo ha mai fatto – tutte insieme – così tante riforme.

Provate per un istante, per un solo istante, a metterle in fila. Continua

Omicidio stradale – Filippin (Pd): “Azione forte contro guida in stato di ebbrezza. Rafforziamo anche prevenzione”

“Le novità su omicidio stradale e revoca trentennale della patente sono strumenti utili e importanti per la sicurezza stradale, ma non devono in nessun modo andare separate da un impegno continuo e costante nell’educazione e nella sensibilizzazione, soprattutto verso i giovani e verso i pericoli della guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droga”. La senatrice del Partito democratico Rosanna Filippin commenta così l’approvazione in prima lettura da parte del Senato delle modifiche normative introdotte in materia di omicidio stradale. Il testo ora passa all’analisi della Camera. “Queste misure non solo puntano a rendere più pesanti le pene per chi guida sotto effetto di alcol e droga, ma rappresentano anche strumenti concreti di prevenzione e deterrenza – aggiunge Rosanna Filippin – Gli italiani chiedevano con forza questo passaggio, con una richiesta che per troppe volte ha accompagnato tragiche immagini di morte sulle nostre strade. Oggi stiamo finalmente dando una risposta concreta. Queste misure, tuttavia, da sole non bastano. Deve essere nostro impegno accompagnarle con un’azione decisa nell’educazione e nella sensibilizzazione soprattutto dei più giovani, per renderli pienamente responsabili e consapevoli dei comportamenti da tenere alla guida e dei rischi e delle conseguenze verso cui si può correre se non si rispettano le regole”.

Ddl anticorruzione. Filippin (PD): «Intervento atteso, ora avanti con nuovo codice appalti»

La senatrice del Partito democratico Rosanna Filippin commenta con soddisfazione l’approvazione al Senato del ddl Anticorruzione: «Un segnale forte e concreto di cui l’Italia e gli italiani avevano bisogno. A maggior ragione in questi tempi pesanti, in cui scandali e inchieste purtroppo si susseguono – sottolinea Rosanna Filippin – Oggi, con il voto in Senato, facciamo un altro passo avanti nel percorso di riforma del Paese avviato da questo Governo. Oggi infatti ribadiamo che non possono né devono esserci spazio e tolleranza per la corruzione. È una battaglia che abbiamo l’obbligo di combattere. Ed è quello che con responsabilità facciamo con questo disegno di legge, che vede tra gli altri il fondamentale ripristino del falso in bilancio che altri Governi avevano cancellato e che il voto segreto di oggi non ha saputo fermare». Continua

«Il Ponte Vecchio sarà monumento degli italiani»

Lo stato attuale del plateatico del Ponte Vecchio di Bassano

Lo stato attuale del plateatico del Ponte Vecchio di Bassano

Da Il Giornale di Vicenza del 26/03/2015.

Il Ponte degli Alpini arriva in Senato e punta da qui a qualche mese alla promozione a monumento degli italiani. Con l´assegnazione da parte dell´aula del numero di ruolo (il 1831) al disegno di legge presentato dalla senatrice bassanese Rosanna Filippin, ha preso il via nelle scorse ore l´iter per inserire il simbolo di Bassano tra gli edifici più importanti della nazione. Completata la primissima fase della procedura, i prossimi passaggi saranno affrontati in Commissione. Se tutto andrà come previsto, tra meno di un anno il Ponte otterrà il riconoscimento sperato. Poi, si potrebbe puntare addirittura alla “patente” dell´Unesco. Continua

Divorzio breve – Senato approva ddl, la relatrice Filippin (PD): “Grande soddisfazione, ora la Camera faccia presto”

thumbfalse1330071782511_475_280«C’è sì l’amarezza per non essere arrivati al ‘divorzio lampo’, ma c’è anche la soddisfazione per una riforma che tantissimi italiani chiedevano e attendevano da anni. Il mio impegno per migliorare ancora la normativa non finisce comunque qui, perché sono convinta che – per il bene di chi si appresta a questo passo, oltre che per l’efficienza del sistema della giustizia – il divorzio diretto sia un passo utile e necessario da fare». La senatrice del Partito Democratico Rosanna Filippincommenta così l’approvazione in Senato del ddl in materia di divorzio breve, provvedimento di cui è stata relatrice in Aula e di cui ha accompagnato il percorso fin dalle discussioni in Commissione Giustizia. Continua

Verso il divorzio breve (ma non immediato)

Da Il Corriere della Sera del 18/03/2015.

ROMA Il voto finale arriverà soltanto stamattina. Ma il «sì» di Palazzo Madama al disegno di legge sul divorzio breve sembra ormai scontato, dopo che ieri pomeriggio è stato stralciato in aula il comma sul cosiddetto «divorzio immediato». Subito dopo il provvedimento dovrà tornare per un nuovo passaggio a Montecitorio, da dove era stato licenziato in prima lettura quasi un anno fa (maggio 2014).
Accorciare a sei mesi il tempo di attesa fra la separazione e il divorzio in caso di separazione consensuale e arrivare ad un anno quando fra gli ex-coniugi ci sono conflitti: persino il senatore Carlo Giovanardi, di Area Popolare (Ncd e Udc), ha dichiarato in aula il voto favorevole del suo gruppo a questa legge, sebbene abbia aggiunto di essere pronto a chiedere un’ulteriore modifica del testo quando tornerà al Senato per aumentare i tempi della separazione in presenza di figli. Continua

Divorzio immediato, Senato stralcia la norma

Da Repubblica.it

ROMA – L’Aula del Senato ha stralciato la norma sul divorzio immediato contenuta nel comma 2 dell’articolo 1 della legge sul divorzio breve. L’assemblea ha approvato a maggioranza, con votazione per alzata di mano, la proposta avanzata dalla stessa relatrice Rosanna Filippin (Pd) con la motivazione che è più importante accorciare i tempi dell’approvazione del provvedimento. Il presidente di turno dell’assemblea di Palazzo Madama, Maurizio Gasparri, ha annunciato che “per effetto della disposizione di stralcio” la norma sul divorzio immediato “sarà inserita in un autonomo ddl che sarà immediatamente assegnato alle competenti commissioni parlamentari”. Continua