Tribunale – Filippin e Ginato: “Bene gli impegni di Orlando. Servono azioni concrete per dare velocità ed efficienza”

I deputati del Pd Rosanna Filippin e Federico Ginato commentano con soddisfazione quanto emerso dalla visita di oggi a Vicenza del Ministro alla Giustizia Andrea Orlando: “La conferma di quanto il Ministro aveva già anticipato nei giorni scorsi, anche in risposta alle interrogazioni che abbiamo presentato, è un segnale importante per il sistema della giustizia nella nostra regione e per Vicenza, in particolare – spiegano i due parlamentari -. Ora auspichiamo che il Csm dia davvero presto il via libera all’arrivo dei nuovi magistrati perché una giustizia rapida ed efficiente serve subito alle nostre imprese e ai cittadini. Questa è la priorità e in questo senso è positivo anche l’impegno dichiarato da Orlando di aprire uno sportello di prossimità a Bassano. Soluzioni che non ci distolgono dalla battaglia per il Tribunale delle Pedemontana ma possono rappresentare strumenti in grado di garantire efficacia e velocità già nel breve periodo”.

Chiusura Ordine Avvocati – Filippin: “Continueremo a chiedere al Governo di tornare indietro”

La senatrice del Partito Democratico Rosanna Filippin – impossibilitata a presenziare all’assemblea odierna degli Avvocati bassanesi per impegni a Roma precedentemente assunti – rilancia il suo impegno contro la chiusura del Tribunale di Bassano: “Non ho potuto essere a Bassano questa mattina, ma come ho fatto in tutti questi mesi continuerò a portare al Governo la voce unitaria degli avvocati, degli enti locali, dei cittadini e delle associazioni di categoria che chiedono di ripensare una scelta che, lo abbiamo detto sin dall’inizio, è sbagliata e ingiusta per il nostro territorio Continua

«Il personale della Provincia può potenziare il tribunale»

Una sala del Tribunale di Vicenza

Una sala del Tribunale di Vicenza

Da Il Giornale di Vicenza del 28/11/2014

Dieci anni per una causa civile e un carico di 1300 fascicoli per ogni magistrato. Fino a 40 giorni per l´iscrizione di un decreto ingiuntivo quando basterebbero pochi minuti su un pc. E quanto a produttività in materia di giustizia civile secondo i dati messi in rete dal ministero della Giustizia sui 139 tribunali italiani, il tribunale di Vicenza ha anche il record di lentezza nel Veneto. Con 6531 procedimenti che si trascinano da più di tre anni.
Il più lento sarebbe il tribunale di Belluno. Ma in realtà a soffrire di più è quello di Vicenza a causa del rapporto magistrati-cittadini e del relativo numero di cause. Per il ministero dei sette tribunali veneti (distinti in piccolo, medio, grande) quello che ha il carico di procedimenti pendenti ultra triennali più alto è quello di Belluno (medio-piccolo) con il 35,2% dei procedimenti pendenti pari a 1.128 a fronte della presenza di 11 magistrati togati con un carico per ciascuno di 19.126 cittadini. Continua

Tribunale di Bassano. Filippin (PD): “Ora il Ministro risponda”

Bassano-640x380Ormai mancano poche settimane perché il Ministro di Grazia e Giustizia Andrea Orlando possa intervenire per salvare le sorti del Tribunale di Bassano, chiuso in seguito alla riforma della geografia giudiziaria, che ha comportato enormi disagi a causa del suo accorpamento con Vicenza.
Ora, con la mediazione del Pd, tre sindaci di altrettanti capoluoghi di provincia veneti (Variati, Manildo e Bitonci) hanno deciso di scrivere congiuntamente al premier Renzi e a Orlando per spingere verso una riapertura di Bassano.
Sulla questione interviene la senatrice e avvocato del Pd Rosanna Filippin, che ha seguito la vicenda fin dagli albori, con numerosi tentativi per scongiurare la chiusura definitiva di Bassano. Continua

Tribunale. Poletto: “Correttivi a breve, speriamo”

19_41_gdv_f1_877

Da Il Giornale di Vicenza del 19/06/2014.

Dall´incontro a Roma con Debora Serracchiani, la delegazione bassanese torna a casa con una promessa. Quella che la vicesegretaria nazionale del Pd riferirà al ministro della Giustizia e insisterà per un incontro a via Arenula. In concreto, però, la strada da percorrere per salvare il tribunale è ancora lunga.
«L´incontro con la vicesegretaria del Pd – commenta il presidente degli avvocati, Francesco Savio – è durato un´ora abbondante. Abbiamo espresso le nostre riserve in merito alla relazione della commissione, dalla quale non emerge la situazione di pesantissimo disagio successiva all´accorpamento a Vicenza. In cambio, la nostra interlocutrice ha dichiarato che insisterà con il ministro per un secondo incontro» Continua

Giustizia. Ministro Orlando a Vicenza. Si è parlato di Bassano

FILIPPINSENBassano del Grappa, 10 maggio – Sabato 10 maggio il ministro della giustizia Andrea Orlando partecipa all’incontro pubblico, organizzato da Alessandra Moretti, capolista alle elezioni europee per il PD nella circoscrizione Nord Est, presso il Galla Caffè in piazza Castello a Vicenza, per discutere di giustizia, famiglia e della situazione in Italia. Occasione che la senatrice bassanese Rosanna Filippin non si è fatta sfuggire. Continua

Tribunale. Filippin incalza, Orlando ammette: «La situazione di Bassano è la peggiore del dopo-riforma»

Bassano-640x380

Da Il Gazzettino del 30/04/14.

“La situazione di Bassano-Vicenza è la peggiore venutasi a creare dopo la riforma della geografia giudiziaria. Dovremo intervenire in qualche maniera”. È la frase che nei giorni scorsi la senatrice bassanese Rosanna Filippin ha strappato al ministro della Giustizia Andrea Orlando. In cosa consisterà l’intervento non è dato conoscere; se ne saprà (forse) qualcosa di più quando l’esponente del governo tornerà in Commissione fra un paio di settimane. Intanto sorge un “giallo” a proposito del Rapporto sullo stato della riforma. Continua

«Per il tribunale ci aspettiamo un nuovo decreto»

01_37_gdv_f1_732La senatrice del Partito Democratico Rosanna Filippin è tornata ieri in città per fare il punto sulla vicenda del tribunale.
Nonostante il neoministro alla giustizia Andrea Orlando si sia schierato a favore del mantenimento del foro cittadino, Filippin ha ammesso che è ancora presto per cantare vittoria.
«Purtroppo i nostri più grandi nemici in questa vicenda sono i funzionari del ministero di giustizia – ha affermato la senatrice – In questi anni, infatti, i capi di gabinetto hanno fatto quello che hanno voluto in merito alla riforma della giustizia. Sono loro che decidono». Continua